fbpx
-60% su tutti i materassi e spedizione gratuita

Sonno leggero e profondo: cosa vuol dire? Ecco quali sono le fasi del sonno

Dormire rappresenta una delle attività principali della vita di ogni essere umano, anche dei più attivi! Occupa, infatti, un terzo della nostra vita ed è fondamentale per la salute generale.

Cosa succede durante il sonno?

Il sonno è uno stato di “quiete apparente”, perché in realtà il nostro organismo lavora allo scopo di:

  • Far riposare il corpo.
  • Eliminare le tossine.
  • Rafforzare le funzioni cognitive.

Nello specifico, mentre dormiamo avviene un’alternanza ciclica di 5 fasi, a loro volta suddivise in due macro-momenti. Dopo essersi addormentati, infatti, si passa in maniera progressiva dallo stadio 1 ai seguenti, fino ad arrivare, dopo circa 60-70 minuti dall’addormentamento, ovvero la fase REM.

Ecco quali sono le fasi del sonno

Chi possiede un dispositivo che permette di monitorare il sonno, sa che viene distinto il sonno leggero da quello profondo. Andiamo a vedere cosa vuol dire analizzando le diverse fasi:

  1. Fase NREM

La prima macro-fase del sonno occupa circa il 75% del sonno totale, ed è quella in cui non sono presenti movimenti rapidi oculari, che si compone a sua volta di 4 fasi (dalla durata di un minimo di 5 minuti ad un massimo di 15 minuti). Nel passaggio da una fase all’altra il sonno si fa man mano più profondo.

Stadio 1: addormentato

Gradualmente l’organismo passa dallo stato di veglia al sonno ed è qui che si verificano alcuni fenomeni: abbassamento della temperatura corporea, rilassamento parziale della muscolatura e rallentamento del battito cardiaco. In questa fase i movimenti oculari non sono rapidi, segnale che l’attività cerebrale diminuisce lentamente.

Stadio 2: sonno leggero

La fase intermedia tra l’addormentamento e il sonno profondo: i muscoli diventano sempre più rilassati e la frequenza cardiaca rallenta progressivamente.

Stadio 3: Sonno profondo

Il soggetto è addormentato e, per questo, non si verificano movimenti oculari né attività cerebrali; i livelli metabolici sono lenti e il corpo è completamente rilassato. Questa fase dura circa 10 minuti.

Stadio 4: sonno profondo effettivo

La temperatura corporea si abbassa ulteriormente, il respiro e il battito cardiaco diventano lenti e i muscoli sono completamente rilassati; questa è la fase del rilassamento più profondo, senza sogni e della mente inconscia; gli occhi iniziano lentamente a muoversi in maniera irregolare e il corpo si prepara alla fase successiva, quella del sonno REM.

Stadio 5. Fase REM

Definita anche “sonno paradosso” è la fase in cui si verificano rapidi movimenti oculari, aumenta il flusso sanguigno e l’attività cerebrale, ma nella quale i muscoli sono paralizzati. Questo stadio del sonno è quello in cui si presentano i sogni.

Le fasi del sonno Rem e non-Rem si alternano circa 4-5 volte nel corso della notte per una durata complessiva di un’ora e mezza, determinando i cosiddetti cicli del sonno, determinanti per un sonno rigenerante e riposante, insieme alla durata.

Come assecondare i cicli del sonno?

Abbiamo visto quali sono le fasi del sonno ed è facile intuire che, per consentire a questo delicato processo di compiersi, è importante che non ci siano interruzioni e quindi, che la qualità del sonno sia buona.

Per dormire bene e rilassare i muscoli della schiena, così come quelli di tutto il corpo, poterebbe essere necessario scegliere materasso e cuscino più adatti alle proprie esigenze.

Prova a dare un’occhiata ai prodotti Veradea, che grazie alle loro caratteristiche potranno essere gli alleati che cercavi! Scopri di più sul nostro sito e contattaci per ricevere maggiori informazioni.

 

Entra a far parte della community Veradea e ricevi offerte speciali, consulenze personalizzate e consigli per concederti un migliore riposo.

Visualizza il carrello Chiudi